Cantina di Custoza
Nuova Ottica

Notizie



28 Maggio 2019, 17:41

Rinasce il giardino Bottagisio grazie agli studenti dello Stefani Bentegodi. Ma anche visite, mostra fotografica e teatro

Il giardino del Palazzo Bottagisio rimesso a nuovo. A portare avanti il progetto ”Adotta un giardino”- Palazzo Bottagisio (che si concluderà a giugno 2020) alcuni alunni delle classi 2ᵃA e 2ᵃB e 3ᵃA dell’istituto Stefani Bentegodi seguiti dalle referente del progetto Fabiana Falcone e con la collaborazione dei docenti Antonino Gennuso, Ramona Gobbi, Agata Valentina Coco e Matteo Piva.
I ragazzi hanno dato inizio ai lavori, provvedendo ad allestire le aiuole. Gli step sono stati: progettazione delle zone in cui collocare le aiuole e pulizia del giardino, preparazione del terreno, pacciamatura per evitare la crescita delle erbe infestanti, realizzazione dell’impianto irriguo con l’ala gocciolante, piantumazione con arbusti e piante annuali ed ornamentali. Con il consenso della Sovraintendenza dei Beni culturali, si prevede anche l’utilizzo del palazzo per visite guidate, mostra fotografica del giardino negli anni in cui la casa era abitata dalla famiglia nobiliare e una piecé che avrà come tema “Villafranca, terra di pace”.
Il progetto mira a valorizzare ed a tutelare il territorio e la storia locale e nazionale, dando valore a un bene che è di tutta la cittadinanza.
Gli obiettivi per gli studenti sono: saper progettare ed allestire un giardino storico, reimpiantare le specie del passato, confrontandole dalle vecchie immagini del giardino, saper costruire un percorso didattico sia nel giardino che come guida all’interno della casa, saper organizzare un evento teatrale con tematica legata al Risorgimento, armistizio di Villafranca, mostra fotografica.
«Tutta l’Amministrazione ha sostenuto un progetto che vedrà rifiorire il giardino Bottagisio grazie all’impegno profuso dagli studenti - commenta l'assessore Anna Lisa Tiberio -. Vedere i ragazzi che si cimentano in alternanza scuola-lavoro per sistemare questo giardino storico è un qualcosa di davvero emozionante. Il giardino, che i giovani si augurano di poter valorizzare al meglio, sta prendendo forma e non vediamo l’ora di vederlo nella sua massima fioritura».


<< Torna