Cantina di Custoza
Nuova Ottica

Notizie



16 Luglio 2019, 16:13

Ci saranno anche due ragazzi villafranchesi in Usa al 24° Jamboree, il raduno mondiale scout

Ci saranno anche due ragazzi villafranchesi al 24° World Scout Jamboree, ovvero il raduno mondiale scout organizzato da WOSM dal 22 luglio al 3 agosto negli Stati Uniti d’America. Il raduno si svolgerà alla Bechtel Reserve (10.000 acri – 4.000 ettari – 40 kmq), di proprietà dei Boy Scout of America [BSA], in West Virginia a circa 4 ore e mezza da Washington DC.
Giulia Griso di Alpo e Alessandro Castelletto hanno superato prima la selezione locale, poi quella a Verona. «Anche i telefoni ci staccano, questo invece è un modo per legare e creare nuove amicizie» dice Giulia. «Ho pensato che potevo essere la persona giusta per questo progetto che mi farà conoscere persone con culture diverse da tutto il mondo».
I due ragazzi porteranno anche lo stemma del Comune di Villafranca, oltre a documentazione esplicativa sul territorio. «Villafranca ha una storia di scoutismo consolidata da 70 anni - commenta il sindaco Roberto Dall’Oca -. Un onore essere rappresentati dai ragazzi col nostro logo per quello che lo scoutismo significa, i valori educativi e formativi insiti nel movimento con messaggi di sostenibilità ambientale, rispetto della natura e integrazione».
Elisabetta Dal Prete ha fatto parte della pattuglia che ha organizzato il Jamboree. «Giovedì partiamo con i maggiorenni dell'International Service Team che forniranno assistenza. Nel 2015 abbiamo incontrato il Papa in piazza S.Pietro ed abbiamo avuto mandato di costruire ponti e non muri. Ogni reparto, dunque, avrà il nome di un ponte: Scaligero, Pietra è Veja. Una volta tornati dovranno essere loro portatori di questi valori, secondo i dettami del nostro fondatore».
Alberto Troiani, capogruppo con Lisa Zanon, considera una fortuna avere ben due ragazzi in Usa, rispetto ad altri gruppi che ne hanno uno. «Dobbiamo relazionarci col mondo. L’obiettivo è portare lo scoutismo italiano e villafranchese nel mondo e riportare la loro esperienza a Villafranca».

<< Torna