Cantina di Custoza
Nuova Ottica

Notizie



4 Ottobre 2019, 16:04

Il messaggio ai neo diciottenni: nella Costituzione ci sono tutte le risposte che cerchiamo

«In questo documento c’è tutto, le risposte che cerchiamo. Ma purtroppo abbiamo esempi di gente che o non la conosce, o la tace per interesse». Giulio Bacosi, presidente di Democrazia nelle Regole accompagnato da Francesco Vitale, è stato il protagonista della cerimonia di consegna della Costituzione italiana ai neo diciottenni in una sala Ferrarini per l’occasione addobbata con dei fiori tricolore dagli studenti dell'Istituto Stefani Bentegodi.
L’evento, presentato da Massimo Coserini, rientrava nei percorsi di “Cittadinanza e Costituzione” promossi dal Comune di Villafranca di Verona che non perde occasione per avvicinare i giovani alla conoscenza delle leggi e delle istituzioni. Bacosi, che gira per l’Italia per far conoscere in modo comprensibile la Costituzione, ha evidenziato la sua grande attualità pur se in qualche passaggio potrebbe essere aggiornata ai tempi. In particolare ha posto l' attenzione sui principi fondamentali. «L’art. 1 ricorda come l’Italia sia una Repubblica fondata sul lavoro. Il che vuol dire che ogni cittadino attraverso il proprio impegno, studio, lavoro, talento, coraggio, può contribuire a costruire uno stato migliore. Bisogna darsi da fare. Non è sempre colpa degli altri se qualcosa non va. L’art. 3 tutela dignità e uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge senza distinzione di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali. E’ quindi necessario aprirsi al confronto, al dialogo, all'impegno collettivo. L’art. 9n parla già dell’ambiente che ora qualcuno sembra aver riscoperto».
La Costituzione italiana è il testo alla base della convivenza civile del nostro Stato. «E' importante leggerla bene per farla vivere nelle nostre scelte e crescere come cittadini consapevoli di domani» ha sottolineato il sindaco Roberto Dall'Oca. Gli studenti dell'Istituto Bolisani hanno illustrato il Progetto Racconta Villafranca teso ad accompagnare i bambini nella storia del Comune. «Un modo diverso per far rivivere le pagine di storia - commenta l'assessore Anna Lisa Tiberio - . Importante utilizzare queste strategie metodologiche didattiche anche per far conoscere la Costituzione italiana che è diventata oggetto di studio agli Esami di Stato per far diventare i giovani responsabili ed attivi, con spirito critico dentro una cornice legislativa di facile lettura».
Emozionante la proiezione di un filmato dove il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa ha evocato la forza, il coraggio, la paura di un uomo che i giovani devono conoscere. E non a caso nel precedente anno scolastico una delle tracce all'Esame di Stato rievocava la sua figura e i valori su cui ha fondato il suo agire per il grande senso dello Stato.
Poi passerella per i giovani villafranchesi salutati dal sindaco Roberto Dall’Oca, gli assessori Anna Lisa Tiberio e Riccardo Maraia, i consiglieri Andrea Pozzerle e Maria Rosa Ciresola, il presidente del Consiglio comunale Lucio Cordioli, il capitano Mossenta in rappresentanza dei Carabinieri, il ten col Capogna del Terzo Stormo, il maresciallo Morandini della Guardia di Finanza, il Direttore dell’area medica dell'Ospedale Paolo Montresor, il presidente di Gsi Bertolini, volontari di numerose associazioni tra cui il Cuore di Moreno e alcuni esponenti degli istituti villafranchesi per ribadire quanto sia importante partire dalla scuola nella conoscenza dei valori costituzionali che si concretizzano in azioni quotidiane tese ad implementare il senso civico e il rispetto delle leggi dello Stato.
In apertura e chiusura il balletto della scuola di danza Leo Doria Picchirallo.

<< Torna