Cantina di Custoza
Nuova Ottica

Notizie



21 Novembre 2019, 15:30

Racconta Villafranca e Natura Docet, fiori all’occhiello delle scuole villafranchesi

Obiettivo formativo ad ampio raggio e rispetto del territorio. Sono questi gli obiettivi dei progetti Racconta Villafranca e Natura Docet. E venerdì 29 novembre, nella Saletta Docenti 1 Padiglione 6 all’ Ente Fiera Verona, gli Istituti Bolisani e Stefani-Bentegodi saranno i protagonisti, affiancati da Rete Cittadinanza e Costituzione e CTG Verona, dei progetti per diventare guide turistiche ed ambientali.
Dopo il successo ottenuto a Fieracavalli e in alcune scuole veronesi, gli studenti diventano formatori per promuovere un territorio da diverse prospettive, per implementare la conoscenza dell’ambiente e per far rivivere pagine di storia. «Una grande soddisfazione per dirigenti, docenti e studenti promotori di due progetti sostenuti dal Comune di Villafranca di Verona e dalla Rete di Cittadinanza e Costituzione - afferma l'assessore Anna Lisa Tiberio -. E’ una scuola votata al territorio e per insegnare ai giovani a investire nel turismo e promuovere competenze fondamentali per diventare guide turistiche ed ambientali».
L’Istituto Bolisani, in convenzione col Comune di Villafranca, propone infatti per il quarto anno il progetto Racconta Villafranca. Gli studenti, dopo aver analizzato gli aspetti della cultura locale valorizzando gli elementi storici, artisti ed enogastronomici, si sono impegnati a individuare piccoli percorsi turistici da proporre poi agli studenti delle scuole secondarie di primo grado del comprensorio. «Gli studenti vivono un’esperienza di cittadinanza attiva e maturano esperienze di programmazione e progettazione - affermano Carmen De Simone, Alessandra Adami e Maria Rigo - . Serve per accrescere la collaborazione con le istituzioni locali e favorire il progetto di vita degli studenti, di inserimento nel mondo del lavoro. La visita è ai monumenti, in particolare palazzo Bottagisio, Castello, caffè Fantoni e le chiese. Importante la collaborazione con Maurizio Grazia. Vengono presentati anche i materiali prodotti in lingua inglese».
Natura Docet è invece il fiore all’occhiello dell'istituto Stefani Bentegodi. «Continua il percorso naturalistico iniziato l‘anno scorso che prevede di creare nuove schede anche in inglese e laboratori didattici - afferma Antonio Gennuso -.Puntiamo all'integrazione del sito già attivo con altre aree tematiche e la creazione di un periodico on Line, e ad allestire, sull' esempio del museo di Trento, un percorso naturalistico per la cittadinanza e per i gruppi scolastici dall’infanzia alle medie. Sarà ripreso il lavoro iniziato al Bottagisio».
Un lavoro che diventa anche un mezzo di valorizzazione dei contenitori culturali villafranchesi. «Così si raggiunge anche l'obiettivo di far conoscere la storia del nostro territorio, soprattutto quella risorgimentale che spesso viene dimenticata - afferma l’assessore Claudia Barbera -. Fondamentale la collaborazione con il mondo scuola perché il nostro territorio venga conosciuto a 360 gradi».


<< Torna