Cantina di Custoza
Nuova Ottica

Notizie



26 Novembre 2019, 17:16

Spettacolo delle auto storiche del trofeo «Giulietta e Romeo». Il connubio tra Villafranca e Shakespeare continua

Sarà stato felice anche Shakespeare nel vedere partire dal Castello di Villafranca, da lui citato nell’opera Romeo e Giulietta, tanti splendidi esemplari di vetture storiche nella gara intitolata proprio all’opera più celebre del drammaturgo inglese. Uno splendido colpo d’occhio, tanti curiosi e appassionati nonostante il maltempo. Soddisfatti il sindaco Roberto Dall’Oca e l’assessore allo sport Luca Zamperini, visto che nel 2020 la manifestazione si disputerà sabato 8 febbraio e sarà valida per il Campionato Italiano Regolarità Auto Storiche, e l’assessore alla cultura Claudia Barbera che sostiene il filone legato a Shakespeare come veicolo di promozione per Villafranca. Nel giro di un anno, infatti, sono state esposte le statue dei due amanti dell’artista Nicola Beber, fuse nella fonderia artistica Arte Bronzo, posizionata la targa con un passo di Shakespeare relativo all'opera di Giulietta e Romeo che richiama la città, e ospitata la preziosa mostra di 10 serigrafie originali di Salvador Dalì. Ora la Coppa Giulietta&Romeo 2019 di auto storiche, manifestazione di regolarità classica e raduno d'auto d'epoca Ruote nella Storia by ACI Storico che si è disputata tra Villafranca di Verona, Valeggio, il Monte Baldo e il Lago di Garda.
Il percorso della giornata ha abbracciato alcune delle zone più belle e caratteristiche della provincia di Verona. Le verifiche sportive e tecniche si sono svolte al Museo Nicolis mentre la partenza è stata ospitata al Castello di Villafranca. La prima parte dell'itinerario ha guidato i concorrenti verso il Lago di Garda, passando per le pendici del Monte Baldo prima di scendere a Torri del Benaco. La seconda parte di giornata li ha riportati al Museo Nicolis di Villafranca per la cerimonia di premiazione.
Per quanto riguarda il risultato sportivo, a vincere sono stati Guido Barcella e Ombretta Ghidotti su Fiat 508C della Scuderia AMAMS Tazio Nuvolari che, tra l’altro, hanno dominato anche la classifica che ha premiato gli equipaggi composti da una coppia, in onore proprio al nome della manifestazione dedicata a Giulietta&Romeo. Secondo posto per Franco Spagnoli e Giuseppe Parisi, su un'identica vettura della Franciacorta Motori. Terzo gradino del podio per Riccardo Roversi e Michele Fabio Bellini su Fiat 1100/103 della Scuderia Brescia Corse.
A vincere la classifica del Trofeo Nicolis, invece, l'equipaggio della Franciacorta Motori composto da Andrea Malucelli e Monica Bernuzzi, su una inconsueta Fiat Duna 70. Alle loro spalle secondo posto per Barcella-Ghidotti, vincitori della Coppa Giulietta&Romeo, e Riviezzo-Vincenzi su Innocenti Mini Cooper MK3 della scuderia Nettuno Bologna. La coppa in cristallo rimarrà ora conservata al Museo Nicolis fino alla prossima edizione.
Seconda tipologia di evento è stato invece il raduno “Ruote nella Storia” by ACI Storico intitolato “Memorial Cabianca” con 11 vetture iscritte tra cui alcuni bellissimi pezzi. Riconoscimento speciale, oltre ad una targa ricordo per tutti i partecipanti, è stato consegnato alla Lancia Fulvia Zagato 1.3S di Marco Pitondo e Maristella Zangrandi, di AC Verona Historic, ai quali Andrea Cabianca ha consegnato un quadro commemorativo del compianto campione veronese Giulio Cabianca, a cui il raduno Ruote nella Storia è stato intitolato.


<< Torna