Cantina di Custoza
Nuova Ottica

Notizie



27 Aprile 2020, 11:46

Ospedale di Schiavonia. Villafranca presente con Protezione Civile e Terzo Stormo

C'è tanta Villafranca nel montaggio delle strutture dell'ospedale da campo donato dal Qatar che si sta allestendo in un’area di 8.000 metri quadrati prospiciente il covid-hospital di Schiavonia (PD). Da giorni la costruzione procede spedita anche con il contributo dei ragazzi della Protezione civile zona Mincio e del 3º Stormo. c'è stata anche la visita del sindaco Roberto Dall’Oca e del presidente della Sezione ANA di Verona Luciano Bertagnoli.
"Per i nostri operatori della Protezione Civile, coadiuvati dai preziosissimi volontari, non ci sono giornate di festa – dice l'assessore alla Protezione Civile Gianpaolo Bottacin, nell'aggiornare la situazione dei lavori a Schiavonia - si lavora per portare a termine il cronoprogramma senza ritardi".
Negli ultimi giorni sono state ultimate le attività di montaggio delle capriate della struttura, delle coperture e dei pannelli di chiusura. Tutte operazioni a cui hanno partecipato, sotto la guida della Regione Veneto, personale dell'Aeronautica Militare, Vigili del Fuoco e volontari dell'Associazione Nazionale Alpini. Nel corso delle ultime ore sono state individuate anche le soluzioni per i moduli di trattamento dei reflui e dei rifiuti ospedalieri dell’ospedale da campo.
"Ci sono migliaia di volontari impegnati in moltissime attività su tutto il territorio regionale – allarga il ragionamento Bottacin - dalla distribuzione mascherine al trasporto e consegna di materiale sanitario, al presidio pre-triage negli ospedali, al lavoro fatto nel ripristino dei cinque ex ospedali riattivati per aumentare la disponibilità di posti letto nelle battaglia contro il covid 19, oltre a molto altro. Più di 70.000 giornate/uomo, che stanno impegnando tutte le organizzazioni di protezione civile, che in Veneto sono quasi 500 e che sono i nostri "reggimenti logistici", gratuitamente impegnati nella guerra contro il virus per garantire il supporto a tutto il personale che sta in trincea, ovvero ai sanitari. A loro va tributato un grandissimo grazie".


<< Torna