Cantina di Custoza
Nuova Ottica

Notizie



22 Maggio 2020, 16:30

Dal 27 maggio via libera al mercato completo, chiusi ancora i parchi gioco

Torna il mercato settimanale di Villafranca. Il Comune ha deciso che a partire da mercoledì 27 maggio il mercato del capoluogo si svolgerà regolarmente alla presenza di tutti gli operatori.
«Abbiamo voluto far passare un’altra settimana - spiega il sindaco Roberto Dall’Oca -per maggior tranquillità. Si apre ma non sono cambiate le norme di sicurezza. Quindi raccomando a tutti il rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro, l'utilizzo di mascherine che è obbligatorio sia per gli operatori che per i clienti, mentre l'uso dei guanti può essere sostituito da una igienizzazione frequente delle mani. Gli accessi verranno monitorati dal personale addetto alla vigilanza e, in caso di eccessiva affluenza, si potranno valutare scaglionamenti delle entrate».
Nel frattempo è già partito il mercato di Quaderni e domani toccherà a Dossobuono.
«Villafranca la situazione era più complessa ed abbiamo fatto riunioni con le associazioni di categoria e disposto tutte le procedure - spiega l’assessore Riccardo Maraia -. Ci saranno 192 banchi, distanziati di un metro e mezzo. La vendita solo sul fronte e non di lato per garantire il distanziamento sociale. Nelle vie di accesso al mercato ci sarà personale preposto per stoppare il flusso se c’è troppa gente all’interno dell’area mercatale».
Niente apertura, invece, per i parchi gioco che resteranno chiusi fino al 14 giugno.
«Non si è in grado di garantire una continua sanificazione dove c’è notoriamente un utilizzo promiscuo dei giochi e delle attrezzature collocate all'interno delle aree ludiche dei parchi pubblici - sottolinea il primo cittadino - e questo può mettere a rischio le azioni finora attuate per il contenimento del virus COVID-19. Per questo si ritiene necessario mantenere la chiusura finora attuata delle aree ludiche e il divieto di utilizzo dei giochi all'interno delle stesse fino al 14 giugno. Una misura di sicurezza necessaria non solo nei confronti dei bambini che usufruiscono dei giochi per i quali non è previsto l'utilizzo di presidi delle vie aeree, ma anche per gli adulti accompagnatori».

<< Torna