Scavolini
Cantina di Custoza
Nuova Ottica

Notizie



22 Ottobre 2020, 17:19

Spettacolo Millemiglia con transito dentro al Castello

Che spettacolo. Villafranca per la prima volta ha ospitato il passaggio della 1000 Miglia 2020. Nelle precedenti 37 edizioni la rievocazione storica della corsa disputata dal 1927 al 1957 sicuramente sarà transitata nei luoghi più belli d’Italia. Ma il passaggio all’interno delle mura del Castello resterà nei cuori dei partecipanti. Tanto il pubblico lungo le transenne con lo speaker a ricordare il distanziamento sociale visti i tempi di Covid.
In transito prima della gara oltre 100 supercar Ferrari. E già questo è stato una delizia per gli occhi. Poi poco meno di 400 le auto storiche che hanno fatto il loro ingresso trionfale nel Castello passando accanto alle statue di Romeo e Giulietta. Per qualcuno probabilmente è stata una sorpresa ritrovare anche a Villafranca le tracce del grande Shakespeare.
In Corso Vittorio Emanuele II in bella vista anche dieci Fiat 500 come tributo al passaggio della Freccia Rossa grazie alla collaborazione con il gruppo Amici Fiat 500 di Villafranca, associazione che fa del bene tramite la passione per le auto.
«E’ stato emozionante e anche un momento di orgoglio - dice il sindaco Roberto Dall’Oca a nome di tutta l'Amministrazione -. Non capita tutti i giorni di poter ammirare da vicino tante vetture d’epoca così belle. Anzi. Per la maggior parte delle città questa possibilità resta un sogno. Abbiamo accolto la carovana nel modo migliore dando ai concorrenti la possibilità di transitare all'interno del Castello, momento altamente spettacolare e suggestivo. Per la viabilità è stata una giornata difficile ma sicuramente ne valeva la pena. Promuovere il volto migliore di Villafranca è uno dei nostri obiettivi».
Il controllo a timbro è avvenuto con un sistema “contactless” che ha consentito il regolare svolgimento delle operazioni sportive senza che concorrenti e operatori di servizio venissero in contatto. Il sistema è infatti funzionato con un'applicazione digitale che ha permesso di registrare il passaggio in maniera del tutto virtuale ma regolamentare ai fini della corsa.

<< Torna