Scavolini
Cantina di Custoza
Nuova Ottica

Notizie



14 Novembre 2020, 16:04

Il Comune mette a disposizione tre siti per i tamponi. I dati dei contagiati

Il Comune Villafranca rinnova all’Ulss la disponibilità per creare tre punti tamponi sul territorio. Lo annuncia il sindaco Roberto Dall’Oca: «Abbiamo dato disponibilità per dei punti tamponi ai medici indicando per Villafranca l’area mercato ortofrutticolo e l’Auditorium, per Dossobuono il piazzale vecchie scuole Locchi. Aspettiamo il via libera. A breve arriveranno anche nuovi medici e personale medico a supporto del personale dell’ospedale Magalini. L’Ulss sta mettendo in campo tutto quanto possibile. Andranno a potenziare gli uffici per dare risposte più veloci e andranno in aiuto anche medici o infermieri in pensione. I medici di base stanno combattendo in prima linea e a loro va il nostro supporto. Le scuole stanno facendo un lavoro enorme e li ringrazio i numeri sono assolutamente contenuti. Come vedete tutti stiamo mettendo il massimo impegno».
I dati Ulss relativi a Villafranca parlano di 80 casi positivi, 2 sospetti e 32 ricoverati. 255 i positivi per indagine epidemiologica in via di verifica. I casi sono distribuiti in tutto il territorio e non esistono frazioni più coinvolte. «Evitiamo allarmismi inutili quando non conosciamo la realtà - ammonisce il sindaco -. I contagi interessano tutta la popolazione con annate che vanno dal 1933 al 2011. Purtroppo abbiamo perso alcuni nostri concittadini. Alle loro famiglie va il mio e il nostro abbraccio in questo momento di dolore. Un dolore ancora più forte perché non hanno potuto vederli fino all’ultimo e nemmeno abbracciarli per l’ultima volta». Oggi Inizia un nuovo percorso con le chiusure di alcune attività sabato e domenica.
«Rimarranno aperti i servizi essenziali - sottolinea Dall’Oca - Al netto di tutte le ordinanze vi chiedo ancora di rispettare un minimo di regole come l’uso della mascherina sempre, pulizia delle mani, distanziamento e di evitare il più possibile uscite e aggregazioni se non sono necessarie. Un minimo di sacrificio fatto ora può garantirci una ritrovata libertà nel più breve periodo e salvare noi e i nostri cari dal contagio».

<< Torna