Miracolo: la Grezzanella 2º stralcio esce dal limbo

Oggi, nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero, il presidente Giovanni Miozzi e il vicepresidente Fabio Venturi hanno fatto il punto sul Piano Provinciale delle Opere Pubbliche. Erano presenti: Ruggero Pozzani, assessore al Turismo; Samuele Campedelli, assessore alla Progettazione e Pianificazione territoriale; capogruppo di maggioranza Alberto Bozza (Pdl) e vice capogruppo di maggioranza Zeno Pescarin (Lega nord). E ci sono buone notizie per Villafranca. Sono stati esposti gli interventi prioritari e soprattutto è stata illustrata la tempistica di esecuzione delle opere; inoltre sono state date alcune anticipazioni in merito alle progettazioni e ai piani finanziari del biennio 2013-2015. Le prime tre infrastrutture a essere realizzate da Veneto Strade saranno: SP10 della Val d’Illasi (12 milioni di euro); SP6 della Lessinia (18 milioni); Secondo Stralcio Grezzanella (21 milioni di euro). Restano in fase avanzata di progettazione e da finanziare nel prossimo piano: collegamento del Ponte di Carpi e Terrazzo con la viabilità provinciale di primo livello in sinistra Adige; variante alla SR62 della Cisa Grezzanella; variante SR10 di Cerea – Sanguinetto; ammodernamento del collegamento tra SP10 della Val d’Illasi sino al confine di Tregnago; collegamento tra SR10 e SP500 di Minerbe; collegamento zona artigianale alla SR10 comune di Minerbe; realizzazione sottopasso alla linea ferroviaria Monselice-Mantova in comune di Boschi Sant’Anna; bretella di collegamento tra SR62 e la zona industriale a Povegliano. Alle società autrostradali sono state inviate invece le seguenti priorità:
− A22 AutoBrennero, realizzazione della strada Mediana (20 milioni di euro) e miglioramento della viabilità per il Quadrante Europa (15 milioni di euro);
− A4 Serenissima, nuovo casello di Castelnuovo e ribaltamento del casello di Verona sud.
Presidente Miozzi: “Il gioco di squadra che abbiamo saputo fare tra le forze politiche di maggioranza ha dato ottimi risultati. Il piano provinciale delle opere pubbliche, infatti, è stato finanziato nonostante i minori trasferimenti statali, ma soprattutto sarà realizzato in tempi celeri. Ricordo, poi, che siamo riusciti a programmare infrastrutture in quasi tutto il territorio provinciale dando così ossigeno anche all’economia locale oltre che migliorando la vita dei residenti. Infine, sottolineo che la linea unitaria che i partiti di maggioranza hanno saputo individuare ha permesso di ottenere da Serenissima e Autobrenno i finanziamenti per opere realmente prioriutarie per il nostro territorio”.

ARTICOLI RECENTI

SEGUICI

Facebook
LinkedIn

NEWSLETTER

L’editore è Giornale Adige Srl, con sede a Verona, in Piazza Cittadella 16, che già edita giornaleadige.it e aderisce ad ANSO, l’Associazione Nazionale degli Editori on line