Altro incidente all’incrocio farsa: non si è mai visto un obbrobrio del genere

Ennesimo incidente al fantascientifico incrocio tra via Pace-via Custoza e via Prina. Oramai c’è il fruttarolo Alex sull’angolo che deve fare il servizio di assistenza e chiamare i soccorsi. Da quando è stato fatto questo capolavoro, abbiamo sottolineato l’assurdità e la pericolosità dell’ incrocio. Se venisse a Villafranca Striscia la Notizia riderebbe tutta Italia. Non si è mai visto uno stop che arriva a metà strada, con i new jersey e il cartello che tolgono visibilità, le biciclette che vengono dal centro costrette a fare un pericoloso slalom tra i veicoli per proseguire in via Custoza col rischio di essere centrate da chi arriva da via Prina. Perché, per il genio che ha ideato tutto questo, il mondo per i ciclisti sembra finire lì: devi girare per forza in via Prina! Mentre dovrebbe esserci fine ciclabile e poter proseguire diritti senza una macchina che ti si presenta davanti. Per non parlare di chi da via Custoza in bici deve andare invia Prina o di chi in auto col senso unico di via Pace deve fare il giro del globo.E chi viene da via Custoza corre. Difficile credere che questo obbrobrio faccia parte di un piano del traffico. Qui la sicurezza e l’utilità proprio non si sa dove siano.
Per quanto riguarda l’incidente, feriti i due occupanti della vettura proveniente da via Custoza: il marito ha subito un taglio alla mano e la moglie è stata trasportata in ambulanza all’ospedale sotto shock. Nessun danno, invece, per l’uomo che guidava il Doblò.

ARTICOLI RECENTI

SEGUICI

Facebook
LinkedIn

NEWSLETTER

L’editore è Giornale Adige Srl, con sede a Verona, in Piazza Cittadella 16, che già edita giornaleadige.it e aderisce ad ANSO, l’Associazione Nazionale degli Editori on line