Catasta di immondizie puzzolenti e piene di insetti nel cuore di Villafranca

Una catasta di rifiuti, un odore nauseante che si sente a distanza, insetti che prolificano a tutto spiano. Ecco lo spettacolo indecoroso che si presenta a chi arriva in via Pace, ovvero in quello che dovrebbe essere il salotto di Villafranca, che già normalmente vede fuori le immondizie fino a mezzogiorno prima che siano portate via. E non è un bel vedere. I rifiuti sono lì dal giorno del mercato dell’antiquariato. Nessuno è passato a pulire o si sono dimenticati di questa zona e questi sono gli effetti. Aggiungi che i soliti letamai, che sono sempre in formissima, non hanno perso occasione di metterci del proprio. Rispetto a ieri, infatti, la catasta, che già era enorme, appare ancora più grande. Ma non basta. Sportine abbandonate davanti alla Casa del Trattato, che non offre niente di buono dentro, in quanto è desolatamente chiusa da due mesi, e un senso di abbandono fuori con queste immondizie. Se chi comanda in Comune non si decide ad affrontare seriamente il problema, vinceranno sempre i letamai. E come cantano i Modà, «E va sempre così, che parli ma nessuno ascolta».

SEGUICI

Facebook
LinkedIn

NEWSLETTER

L’editore è Giornale Adige Srl, con sede a Verona, in Piazza Cittadella 16, che già edita giornaleadige.it e aderisce ad ANSO, l’Associazione Nazionale degli Editori on line