Cresce il contagio, sospensione delle attività di chirurgia programmata eccetto le non rinviabili

Tira una brutta aria per il futuro di tutte le strutture sanitarie. Il direttore generale regionale Luciano Flor ha infatti deciso, a causa dell’aumentare del contagio, di applicare il Piano di Emergenza redatto dai tecnici ancora nel 2020 che sancisce l’ordine a Ulss e aziende ospedaliere di sospendere le attività di chirurgia programmata per le quali è previsto il ricovero in terapia intensiva e la riduzione dell’attività programmata in ambito infermieristico con le eccezioni che riguardano le attività come quelle non rinviabili in base al quadro clinico e per le quale la prognosi e le gravi conseguenze cliniche sono fortemente influenzate dalle tempistiche di diagnosi ed intervento, chirurgia oncologica ecc. Di conseguenza il personale medico e infermieristico non direttamente impegnato a garantire assistenza ai pazienti Covid potrà essere utilizzato per garantire la piena operatività dei centro di vaccinazione. Nel link la circolare completa. Disciplinate anche le modalità di accesso alle strutture sanitarie (vedi allegato)

Scarica la circolare. Clicca qui Coronavirus176

Scarica le norme di accesso alle strutture sanitarie. Clicca qui Coronavirus177

ARTICOLI RECENTI

SEGUICI

Facebook
LinkedIn

NEWSLETTER

L’editore è Giornale Adige Srl, con sede a Verona, in Piazza Cittadella 16, che già edita giornaleadige.it e aderisce ad ANSO, l’Associazione Nazionale degli Editori on line