A Colognola ai Colli la produzione stimata per quest’anno dei “bisi” Verdoni nani si attesta sui mille quintali. Torna la tradizionale sagra.

A Colognola ai Colli la produzione stimata per quest’anno dei “bisi” Verdoni nani si attesta sui mille quintali. Torna la tradizionale sagra.

(di Stefano Cucco) Il paese di Colognola ai Colli è considerato la patria dei “bisi” Verdoni nani, prodotto tipico dei colli vulcanici locali che si fregia della De.co. Nel corso degli anni il pisello colognolese è sempre più richiesto e apprezzato per la sua bontà e salubrità. Tanto che negli ultimi anni sono cresciuti i terreni seminati a “bisi” Verdoni nani. La produzione stimata per quest’anno si attesta sui mille quintali. “Quest’anno ritorna la sagra dei bisi”, ha annunciato Mauro Franchi, presidente dell’Associazione Bisicoltori.

“Si tratta di un evento importante per far conoscere il territorio e per tornare, dopo il Covid, alla normalità. Si terrà per tre fine settimana consecutivi: gli ultimi due di maggio e il primo di giugno. E’ anche confermata la collaborazione dei bisicoltori con la Pro loco a cui garantiamo la produzione di bisi necessaria per i piatti serviti in sagra. Anche noi avremo il nostro stand per la vendita dei Verdoni nani. Stiamo coinvolgendo più ristoranti e agriturismi della provincia che a maggio prepareranno piatti a base di bisi forniti dalla nostra associazione, realtà costituita sette anni fa che oggi conta una trentina di coltivatori di bisi seguendo un apposito disciplinare”.

Conosciuti nel veronese con il nome di “Bisi” sono coltivati a Colognola ai Colli fin dall’antichità. In tempi più recenti è documentato l’interesse di questo legume da parte dei dogi veneziani che lo consideravano un piatto decisamente prelibato. Negli anni del dopoguerra c’era un vero e proprio mercato nella piazza principale del paese in cui tutti i produttori confluivano per commercializzare i propri piselli. Il pisello ha sempre trovato spazio nei terreni della nostra azienda e attualmente la tradizione è perpetuata da Massimo e Zeno, i quali assieme ad altri amici di Colognola hanno fondato l’associazione bisicoltori di Colognola ai Colli (della quale Massimo è il presidente) con lo scopo di valorizzare ulteriormente i Bisi di Colognola ed esportarne le indubbie caratteristiche qualitative.

Il pisello o “Biso di Colognola ai Colli” è una varietà che produce bacelli stretti e lunghi nel cui interno si trovano 8-9 grani. La loro caratteristica è la dolcezza da attribuire oltre che alla caratteristica varietale, al clima di Colognola. Infatti, la particolare esposizione geografica permette una ottimale esposizione verso sud e consente di avere temperature invernali più miti, al riparo dall’umidità e dalla nebbia della pianura sottostante. I “Verdoni nani”, venduti con il logo dei bisicoltori, saranno reperibili in diverse aree del paese.

“Abbiamo siglato”, prosegue Franchi, “un accordo con i supermercati e i negozi di alimentari del territorio e con alcuni della Val d’Illasi per la fornitura del prodotto da parte dei soci: si registra un aumento della richiesta. Se altri negozi fossero interessati non esitino a contattarci. L’associazione sta ottenendo ottimi risultati grazie anche al lavoro di squadra dei soci col Comune”, conclude Franchi. “Abbiamo già aperto le prenotazioni dei bisi, di cui si avrà una prima produzione in questi giorni”. 

SEGUICI

Facebook
LinkedIn

NEWSLETTER

L’editore è Giornale Adige Srl, con sede a Verona, in Piazza Cittadella 16, che già edita giornaleadige.it e aderisce ad ANSO, l’Associazione Nazionale degli Editori on line