IL COMUNE DI SONA FESTEGGIA L’ACQUISIZIONE DELLA “CASA DI ALICE”, FUTURA CITTADELLA DELLE ASSOCIAZIONI

IL COMUNE DI SONA FESTEGGIA L’ACQUISIZIONE DELLA “CASA DI ALICE”, FUTURA CITTADELLA DELLE ASSOCIAZIONI

Sabato 25 giugno 2022 alle ore 11:30 sarà presentato alla cittadinanza il complesso da adibire a Cittadella delle Associazioni, già denominato “Casa di Alice”.

Il programma della giornata prevede gli interventi delle autorità, una presentazione delle associazioni che stanno lavorando, e che lavoreranno, negli spazi loro assegnati, l’inaugurazione dei murales realizzati dai giovani del territorio su alcune pareti del fabbricato ed infine un momento conviviale offerto dalle associazioni insediate.

L’immobile, acquisito dall’Amministrazione nel dicembre scorso, ha una superficie di circa 5000 mq su un terreno di 11.000 mq, si trova in pieno centro a Lugagnano, ed era molto conosciuto dalla comunità in quanto adibito ad incubatoio di pulcini fino al 2014, quando la ditta Amadori ne decise la dismissione. Ottenuto dall’Amministrazione comunale il comodato d’uso gratuito, è diventato da subito sede del magazzino comunale e di alcune associazioni, con locali vocati principalmente ad uso deposito essendo il complesso privo di impianti, anche a causa del saccheggiamento di rame subito subito dopo la dismissione.

«L’acquisizione degli immobili della ditta Amadori – dichiara l’Assessore Roberto Merzi – rappresenta un momento epocale per tutta la comunità di Sona perché si tratta di un complesso che sarebbe dovuto diventare, nelle previsioni urbanistiche del passato, un’area residenziale che, in pieno centro di Lugagnano, avrebbe aumentato il carico urbanistico. Ora diventerà invece un fondamentale centro di aggregazione che, attraverso il prezioso contributo del Comune e delle associazioni, consentirà di ricomporre quel senso di comunità di cui, mai come in questo momento, abbiamo bisogno».

Il percorso che ha portato alla recente acquisizione del bene è stato lungo e complesso, come afferma il Sindaco Gianluigi Mazzi «Abbiamo avviato fin da subito una trattativa con la famiglia Amadori perché era evidente il potenziale dell’immobile, per le dimensioni e per la posizione strategica. Considerando anche l’area di oltre 10.000 mq adiacente al cimitero, che abbiamo acquisito da privati successivamente, si potranno ricavare spazi di ritrovo  su una superficie di oltre 20.000 metri quadrati, come ad esempio una piazza e parcheggi, una sala civica, sale di incontro per famiglie e giovani, aree verdi e quant’altro diventerà utile per lo sviluppo futuro del paese di Lugagnano. Sicuramente la parola d’ordine sarà condivisione, perché sia l’utilizzo degli spazi in comune, che il lavoro in rete, possono dar luogo ad una crescita esponenziale di tutti gli attori e divenire in futuro il fiore all’occhiello di questo territorio. Ora si tratterà di procedere con la riqualificazione, anche a stralci, utilizzando anche i fondi del PNRR, ma la base è stata gettata ed il futuro sembra destinato a regalare alla comunità grandi cose».

In occasione della cerimonia di ufficializzazione del nuovo spazio a patrimonio comunale, verranno presentati i nuovi murales fatti dai ragazzi in alcuni muri perimetrali della ex struttura produttiva. Un’iniziativa seguita dall’Assessora Monia Cimichella «Nell’ottica che l’area diventi di tutte le Associazioni, e che le stesse sono da sempre alla ricerca di nuove leve e di un auspicato ricambio generazionale, quale migliore occasione per far mettere del loro a dei ragazzi? Lasceranno un segno visibile della loro presenza attraverso il tratto artistico del murales, sperando che non sia solo un passaggio. Le politiche giovanili devono essere collante nel territorio».Condivisione e senso di comunità in memoria di «Alice Belloni, la ragazza a cui è stata dedicato questo spazio, alla sua battaglia contro la malattia e, purtroppo, alla sua giovane morte che avevano stretto una comunità intera di oltre 9.000 abitanti in un forte abbraccio, di tristezza ma anche di unità e coraggio. Ho scelto personalmente questo nome, aggiunto alla parola Casa perché riecheggi sempre forte quello spirito di comunione e vicinanza: tutti insieme, istituzioni, comunità e associazioni, uniti e determinati per il bene comune!» afferma, con commozione, il sindaco Gianluigi Mazzi.

SEGUICI

Facebook
LinkedIn

NEWSLETTER

L’editore è Giornale Adige Srl, con sede a Verona, in Piazza Cittadella 16, che già edita giornaleadige.it e aderisce ad ANSO, l’Associazione Nazionale degli Editori on line